IL GIORNALE ONLINE DEGLI STUDENTI DEI LICEI ECONOMICO-SOCIALI PUGLIESI

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il cattivo stato di salute del pianeta è evidente: assistiamo continuamente a cambiamenti climatici improvvisi, uragani, terremoti, diffusione di malattie…
Ad esempio, negli ultimi anni, più che mai si sono verificati diversi uragani e terremoti: l’uragano Maria nel 2017, che ha devastato la Repubblica Dominicana, le Isole Vergini e Porto Rico e ha ucciso 3100 persone; il terremoto e lo tsunami di Sulawesi, che nel 2018 ha ucciso 4300 persone nella penisola di Minahasa, oppure il ciclone Idai, che nel 2019 ha colpito l’Africa, uccidendo 1300 persone.
Ogni persona, però, non deve limitarsi ad assistere a questi eventi, a guardarli e lasciarli passare: ognuno di noi dovrebbe pensare a come poter aiutare quel pianeta che in fin dei conti è la nostra vera casa, la più bella, la più grande, quella di cui ogni giorno dovremmo prenderci cura! Ma come?
La “Green Economy” potrebbe essere un inizio. Oggi se ne sente molto parlare; si tratta di un modello teorico di sviluppo economico che prende in esame sia la produzione, sia l’impatto che quest’ultima avrà sull’ambiente: tende, grazie ad investimenti pubblici e privati, a diminuire le emissioni di CO2, a conservare l’ecosistema e, quindi, a non danneggiare la biodiversità.

A parer mio, però, non sarà la conversione a questo tipo di economia in sé a salvare il pianeta, ma saranno le persone che vorranno davvero contribuire: sarà necessaria una trasformazione della società, i cui membri dovranno responsabilizzarsi e impegnarsi a fondo.                                                                          
Questa, però, rappresenta forse l’impresa più dura di tutte.                                         
Infatti, se analizziamo la situazione, noteremo che in questo caso, come in molti altri, è l’uomo la radice del problema: l’uomo che è egoista, l’uomo che pensa che il mondo esterno non lo riguardi, quando in realtà è casa sua.
Una casa che sta andando a pezzi, che sta bruciando di un fuoco che nessuno riesce a spegnere!  Sarebbe così semplice, invece...                                                   
Basterebbe che ognuno di noi si impegnasse a non gettare quella carta per terra, quella bottiglia nel mare, ad avere un'attenzione in più verso l'ambiente che ci circonda.

Basterebbe essere uniti e crederci, crederci fino in fondo, crederci fino a farcela, fino a migliorare questo mondo già abbastanza distrutto: è l’unico che abbiamo!

Alessia Abbaticchio, IV Ce LES, Liceo Bianchi Dottula - Bari

Seguici su . . .

RSS filled 32

Newsletters

Iscriviti alla nostra newsletters, resta informato!!

Photo and video gallery

Utility